ORARIO D'APERTURA
dal lunedì al venerdì
mattina 07:00 – 14:00
pomeriggio 16:00 - 17:00
ORARIO PRELIEVI
dal lunedì al venerdì 07:00 – 10:30
PRELIEVI A DOMICILIO
su prenotazione

Tampone faringeo per Streptococco pyogenes

Streptococcus pyogenes, noto anche come Streptococco beta-emolitico di gruppo A, è l’agente eziologico della faringite streptococcica (o mal di gola da Streptococco). Per poter individuare questa infezione è necessario effettuare un esame mediante l’uso di un tampone faringeo per streptococco rapido o colturale. Ma partiamo dalle basi, cos’è lo streptococco e come si contagia?

Cos’è lo Streptococco?

Quando si parla di Streptococco ci si riferisce ad un’infezione batterica molto contagiosa caratterizzata da sintomi quali mal di gola, febbre, tonsille gonfie e arrossate talvolta cosparse di placche purulente, ingrossamento dei linfonodi del collo.

In alcuni casi la faringite streptococcica può essere seguita da un’eruzione cutanea dal colore rossastro che prende il nome di scarlattina. L‘infezione è più diffusa nei bambini tra i 5 e i 15 anni di età nei quali possono comparire anche sintomi meno specifici come mal di testa, mal di stomaco, nausea e vomito.

Il contagio è facilitato nei luoghi affollati come asili e scuole e avviene mediante l’inalazione di goccioline infette quindi prevalentemente attraverso tosse e starnuti, o anche per ingestione di cibi e bevande contaminate.

In genere l’infezione da streptococco, se opportunamente trattata, non è pericolosa, tuttavia se trascurata può causare complicanze gravi come la polmonite streptococcica, l’otite, la meningite, l’infiammazione renale e la febbre reumatica.

Differenza fra tampone faringeo per streptococco rapido e colturale

Nel nostro laboratorio di analisi cliniche del Dr. Giovanni Di Piazza l’identificazione dello Streptococco nella gola viene eseguita mediante due metodiche: il Tampone Faringeo per Streptococco Rapido ed il Tampone Faringeo per Streptococco Colturale.

Tampone faringeo per Streptococco rapido

Il tampone faringeo per streptococco rapido è un test immunocromatografico basato sulla interazione antigene-anticorpo, consente di ottenere il risultato dopo 20-30 minuti dal prelievo del campione oro-faringeo il quale si ottiene strofinando un bastoncino cotonato (tampone faringeo) sulla parete posteriore della faringe (gola) e delle tonsille.

Il campione viene trattato con specifici reagenti che consentono di segnalare o meno la presenza del batterio. Il test da risultati altamente sensibili, con una specificità del 95%, permette dunque una diagnosi certa così da poter impostare una terapia antibiotica corretta che in caso di forme virali risulterebbe superflua. Il test non necessita di alcuna preparazione, tuttavia poiché antibiotici e collutori antisettici possono influire sui risultati dell’esame è importante informare il medico se si è fatto uso di tali sostanze.

Il test rapido ricerca solo gli antigeni specifici dello Streptococco beta emolitico di gruppo A, un risultato negativo non esclude quindi che l’infezione possa essere causata da un altro tipo di batterio o virus. Il risultato del tampone per streptococco è pronto dopo poche ore.

Tampone faringeo per Streptococco colturale

Nel caso del tampone faringeo per streptococco colturale il risultato dell’esame è disponibile dopo due giorni. Il campione oro-faringeo viene “seminato” su adeguati terreni di coltura e dopo un’incubazione di circa 24 ore a 37°C è possibile identificare il patogeno. Questa metodica, a differenza del test rapido, oltre allo Streptococco beta emolitico di gruppo A consente di identificare anche altri patogeni come stafilococchi, candida, ecc.

Se richiesto l’esame si completa con un antibiogramma che valuta la sensibilità del batterio a diversi tipi di antibiotici. Il tampone per streptococco colturale permette di evidenziare la presenza dello Streptococco pyogenes anche quando è presente in quantità minima e quindi più difficilmente rilevabile con il test rapido.

Autrice: Dott. Anna Taravella, Biologa molecolare, Laureata in Biologia cellulare e molecolare presso Università degli Studi di Palermo.